Higuain come Diego, ecco cosa farà. Ieri discorso alla squadra, i compagni gli hanno fatto una promessa

 

La mannaia inflessibile della giustizia sportiva si è abbattuta sul Napoli e su Gonzalo Higuain. Quattro giornate di squalifica per l’attaccante argentino, con il Napoli che ha già annunciato ricorso: verrà affidato al legale del club, l’avvocato Mattia Grassani e le speranze che venga accolto – e la squalifica ridotta di almeno un turno – sono abbastanza ridotte. In buona sostanza il Napoli dovrà far leva sulle espressioni irriguardose usate da Higuain: se tra queste non compaiono cattive parole, c’è una minima speranza. Tutto si basa sul referto di Irrati, di cui oggi entrerà in possesso il legale del Napoli.

HIGUAIN COME DIEGO – In attesa di conoscere l’esito del ricorso – bisognerà aspettare la seconda metà della prossima settimana – Higuain avrebbe deciso di parlare davanti alla Corte Federale, di essere ascoltato quindi dai giudici che dovranno decidere sulla riduzione della sua squalifica. E in tal senso c’è un precedente che lega ancora una volta il Pipita e Maradona: al suo primo anno in Italia, durante un Ascoli-Napoli, Diego fu espulso ingiustamente dall’arbitro Ciulli, e venne squalificato per una giornata. Il Pibe si recò a Milano, presenziò davanti ai giudici e alla fine la squalifica fu tolta. Proprio come farà Higuain. L’arringa è pronta, l’argentino spiegherà alla Corte le sue ragioni: è consapevole di aver sbagliato domenica a Udine, ma si sente vittima di un’ingiustizia; esclude ogni violenza nei suoi comportamenti e ha la ferma intenzione di andarlo a riferire personalmente ai giudici.

LE SCUSE E LA PROMESSA – Ieri intanto il Napoli si è ritrovato a Castel Volturno. Higuain è arrivato al centro tecnico scuro in volto, in un’automobile guidata da Valdifiori. Negli spogliatoi sono arrivate alla squadra le scuse del Pipita: “Mi dispiace ragazzi, mi dispiace. Ma io non ho fatto nulla di male, non ho spinto l’arbitro, è stato lui che è venuto verso di me”, il virgolettato riportato da Il Mattino. La squadra ha ascoltato in silenzio, poi è scattato in automatico l’abbraccio dei compagni al loro leader tecnico. Insieme ad una promessa solenne: gli azzurri le vinceranno tutte, da qui alla fine.

 

Condividi:

Altri Post

Global Business — How to Think Globally

In today’s progressively more globalized world, it’s necessary for businesses to think around the globe. Global business helps businesses evaluate prospects, mitigate risk, and develop

How to Increase Added Value

In business, you will discover two ways to increase added value: innovating something new or perhaps lowering the cost of something previously available. For example

Scrivici