La sconfitta con la Juve non intacca i piani del Napoli: l’obiettivo iniziale non è mai stato lo scudetto

La Juve si è aggiudicata lo scontro diretto, ma la sconfitta del Napoli è assolutamente onorevole. Ha fatto male per come è maturata, quando tutti avevano ormai capito che il match era indirizzato sullo 0-0: la buona sorte ci ha messo del suo per indirizzare in rete quel pallone di Zaza. Perso il primato, il Napoli ora deve guardare avanti. Ben sapendo quale è il vero obiettivo da raggiungere.

Nessuno aveva chiesto – ne i pronostici erano andati in tal senso ad inizio stagione – che gli azzurri si battessero per vincere il campionato. Juve e Roma sembravano più attrezzata, poi i giallorossi hanno smarrito la loro stella, mentre i bianconeri hanno inanellato quindici vittorie consecutive dopo un inizio balbettante. Il Napoli, dal canto suo, aveva e ha un solo obiettivo: tornare ad ascoltare l’inno della Champions League. L’abbiamo scritto più volte: partecipare alla massima manifestazione europea per club è fondamentale per una società che si autofinanzia – come fa quella partenopea – e che ha bisogno degli introiti della Uefa per innalzare il proprio fatturato e potersi permettere un futuro all’altezza delle aspettative dei tifosi. Tra market pool e diritti tv, la cifra che balla oscilla tra i 35 e i 45 milioni di euro: un’iniezione di danaro che permetterebbe ad Aurelio De Laurentiis di pianificare senza troppi affanni la prossima stagione.

Questo non significa che il Napoli non debba provare a riagganciare e magari superare la Juve. Anche perchè nel calcio, è cosa risaputa, l’aspetto psicologico è spesso fondamentale. E tendere ad arrivare a chi precede in classifica è una motivazione maggiore rispetto a quella che può dare il difendere la propria posizione. Farà bene dunque Sarri a guardare avanti, per non aver sorprese da chi è dietro il Napoli in classifica. Poi, se il miracolo – perchè di tale si tratterebbe, beninteso – dovesse realmente accadere, sarebbe sicuramente il top. Ma l’obiettivo deve restare quello di giocare la prossima Champions League.

Condividi:

Altri Post

Global Business — How to Think Globally

In today’s progressively more globalized world, it’s necessary for businesses to think around the globe. Global business helps businesses evaluate prospects, mitigate risk, and develop

How to Increase Added Value

In business, you will discover two ways to increase added value: innovating something new or perhaps lowering the cost of something previously available. For example

Scrivici